Ma la modalità più vantaggiosa è quella che non fa male alla gente …

 
 Colgo l’occasione per soffermare la vostra riflessione su una risoluzione del parlamento europeo che ho trovato per caso  e che – purtroppo – come accade spesso in italia, non è stata considerata dalla stampa nostrana, più impegnata a mostrare – forse – le criticità e le debolezze del debito e della crisi delle finanze, piuttosto che mostrare le cose buone che vengono realizzate in europa. 
 
Esiste appunto  una risoluzione del parlamento europeo, approvata il 20 aprile del 2012, che  indirizza la commissione a legiferare sul divieto di incenerimento dei rifiuti che possono essere riciclati o compostati, con riferimento alla gerarchia prevista nella direttiva quadro sui rifiuti;
 
Sottolineo questo passaggio della risoluzione anche perché di recente mi è capitato di avere un confronto – in occasione di Italia decide  a Palermo –  con l’assessore Bernocchi di Prato, il quale sosteneva – in modo peraltro assai disinvolto – che la nota direttiva quadro CE 17/6/2008 suggeriva alle amministrazioni  la modalità di gestione dei rifiuti  economicamente più vantaggiosa. 
 
E’  al contrario evidente che – per legislatore europeo, al quale abbiamo per costituzione ceduto parte della  la nostra sovranità –   l’incenerimento rimane l’ipotesi residuale (con la discarica) e non (come affermano i detrattori i perfetta malafede) una delle gestioni possibili purché economicamente più remunerativa. 
 
Credo che in Italia, se continueremo a gestire in modo furbo ogni norma e ogni interpretazione, così come l’assessore Bernocchi , peraltro responsabile ANCI per l’ambiente, ci troveremo a rappresentare il fanalino di cosa della civiltà europea. Mi dispiace ma troppe volte – in nome di fantomatiche operazioni di crescita economica dei nostri territori – abbiamo sacrificato i principi e gli indirizzi dei legislatori europei. 
 
Infine, se troverà attuazione la sopracitata risoluzione del Parlamento Europeo, sarà quanto mai necessario – e mi rivolgo agli amministratori del mio comune e ai rappresentanti e delegati del mio partito –  attuare programmi di raccolta differenziata porta a porta estesi su tutto il territorio comunale senza ulteriori ritardi. 
Abbiamo già perso troppi treni e non vorrei se ne perdessero altri. Per il bene della nostra città e dei nostri elettori. 
 
Questo mi sentivo di condividere con voi.  
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...