Altra lettera a un ex sindaco di Follonica

Caro Enrico, visto che i tempi sono cambiati, ti volevo esprimere su questo blog tutta la mia sincera vicinanza e solidarietà per l’episodio increscioso accadutoti e che ho appreso dai giornali. Credo fermamente che la pubblica amministrazione, soprattutto negli enti locali territoriali, sia chiamata ad essere amica del cittadino, qualsiasi cittadino; deve essere un presidio per aiutare a risolvere problemi, cercando insieme agli utenti le soluzioni più opportune; credo (e siamo in molti a pensarlo, te lo assicuro) che una p.a “carabiniere” che sa solo sanzionare, quando addirittura trattare in malo modo i cittadini, eserciti molto male le funzioni che le sono proprie. Ci sono norme, infatti, come l’educazione e il rispetto che non si trovano nei testi unici o nei decreti ministeriali. Queste norme sono invece iscritte nell’animo umano e nella cultura di un popolo e si chiamano, molto semplicemente, “civiltà”.
In fondo, anche il grande poeta Bertolt Brecht, in una sua poesia molto famosa intitolata “Piaceri” , alla fine chiudeva con “essere gentili”, “freundlich sein”. Mi ha sempre colpito l’idea che l’essere gentili sia un piacere (addirittura una “Vergnuegung”, che in tedesco è quasi un divertimento, un godimento dei sensi) e non un dovere sociale o un precetto giuridicamente sanzionato. Mi ha sempre colpito questa spontaneità frutto di una civiltà migliore.
Credo che la nostra P.A debba iniziare a vederla un po’ così, come bertolt.

Saluti fraterni

Francesco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...