Autostrade perdute

L’Autobahn – celebrata dai Krafwerk come un’ icona della civiltà postmoderna e automatizzata – viene interamente finanziata in Germania con l’ordinario prelievo fiscale; tuttavia i tedeschi fanno parte di una lunga lista che annovera nella sola Europa Belgio, Svezia, Danimarca, Finlandia, Gran Bretagna. In Italia invece il casello autostradale rappresenta un balzello aggiuntivo della pur già insostenibile pressione fiscale: la terza al mondo, con servizi però da terzo mondo. Ma la riflessione sulla scarsa competitività del paese a fronte di una pressione da paese Scandinavo, ci conduce a focalizzare sul corridoio autostradale tirrenico in realizzazione e la sua necessità. Intanto, per dare una panoramica degli aumenti delle tariffe nel 2011 basti dare un’occhiata qui sotto:

Asti-Cuneo S.p.A. 0,00%; Ativa S.p.A. 6,86%;
Autostrade per l’Italia S.p.A. 1,92%;
Autostrada del Brennero S.p.A. 1,39%;
Autovie Venete S.p.A. 13,58%;
Brescia-Padova S.p.A. 7,08%;
Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%;
CAV S.p.A. (A4 Venezia Padova, Tang. Ovest di Mestre e Racc. con aeroporto Marco Polo -1,00%; Passante di Mestre -1,18%);
Centropadane S.p.A. 0,80%;
CISA S.p.A. 6,13%;
Fiori S.p.A. 4,70%;
Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. 1,53%;
Tangenziale di Napoli S.p.A. 3,80%;
RAV S.p.A. 14,15%;
SALT S.p.A. 4,76%;
SAT S.p.A. 4,08%;
Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A. -6,56%;
SATAP Tronco A4 S.p.A. (Novara Est-Milano 12,95%; Torino-Novara Est 12,38%);
SATAP Tronco A21 S.p.A. 9,83%;
SAV S.p.A. 18,95%;
SITAF S.p.A. (Barriera di Bruere 3,31%; Barriera di Avigliana 5,50%; Barriera di Salbertrand 5,00%);
Torino-Savona S.p.A. 0,63%;
Strada dei Parchi S.p.A. 8,14%.

Tranne alcune debite eccezioni, le tariffe sono cresciute al di sopra dell’inflazione, andando quindi a sottrarre reddito disponibile a chi per necessità deve spostarsi da casa al luogo di lavoro. La nostra Sat è salita nel 2011 del 4% circa. La situazione locale, che si intreccia con quella nazionale che prevede grossi profitti per il concessionario e pochi vantaggi per i cittadini, vede la realizzazione del cosiddetto corridoio tirrenico, che dovrà collegare Rosignano a Civitavecchia. Intanto nessuno discute la necessità di un tratto autostradale: infatti la domanda non è centrata sul “se” farlo, ma sul “come”, cioè a quale costo per la collettività. In primis, si sa che l’intervento verrà realizzato sull’attuale tracciato dell’Aurelia; da ciò si deduce che non si è pensato ad una viabilità alternativa all’autostrada. L’unica soluzione per spostarsi gratuitamente rimarrebbe la “vecchia Aurelia”, ormai assorbita nel tessuto urbano di quasi tutti i comuni a nord di Follonica. Soluzione che tuttavia implicherebbe – oltre alla chiusura di tutte quelle attività che nel tempo si sono sviluppate lungo la strada – lunghe e inquinanti file ai semafori: come ricordava Fedrico Bigongiari in una sua mailing list, si ritornerebbe di nuovo agli anni settanta- ottanta. Non solo, la triste media di incidenti stradali sarebbe destinata ad aumentare grazie al disicentivo a percorrere l’Autostrada a pagamento. Allora i comuni della costa si dovrebbero mobilitare per difendere gli interessi dei più contro quelli esclusivi dei concessionari, anche attraverso una mozione che abbia ad oggetto le criticità sopra riportate, da approvare nei consigli comunali interessati.
Infine , la soluzione più ragionevole sarebbe quella di un’esenzione per una consistente fascia chilometrica per gli abitanti dei comuni costieri, e magari – come si sta facendo in germania per i soli autotrasportatori – inserire nelle tariffe un contributo ambientale a compensazione della quantità di emissioni introdotte dal veicolo in atmosfera.
Ma quest’ultima è solo utopia se davanti si ha un paese arretrato come l’Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...