To be continued

Quello che è scritto è scritto, diceva Ponzio Pilato davanti alla croce. Essendo un uomo non so dire se chi ha perso incarnasse il bene assoluto e chi ha vinto il male. So tuttavia che noi non abbiamo fatto il tifo per una persona, non lo abbiamo fatto mai; ma abbiamo al contrario tifato per un progetto di rinnovamento reale della forma partito, della partecipazione, delle idee. Purtroppo non ce l’abbiamo fatta. Forse perché non siamo stati in grado di comunicare, forse perché i ragazzi non partecipano più e la cosa non gli interessa. Ma non tutto è perduto. Anzi, abbiamo raggiunto consensi da chi era stanco degli apparati, da chi non credeva nel populismo, da chi ancora non si è rassegnato alle solite logiche spartitorie. Che dobbiamo fare allora? Dobbiamo combattere per evitare i soliti accordi di potere e lavorare per costruire una vera democrazia partecipata dal basso, una classe politica nuova, interessata più al bene della città, che della propria cordata o fazione. Dobbiamo lavorare per il primato del livello locale rispetto agli apparati di partito provinciali e regionali; dobbiamo lavorare sui progetti e sulle idee, sulle politiche ecosostenibili, sullo sviluppo del fotovolataico, sui ragazzi e le nuove generazioni. Per tutto questo sarà necessario continuare tutti insieme questa avventura. Per un nuovo inizio davvero. Spero che tutti possiate aiutarci. Da subito.

Con affetto, Francesco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...